Cosa è la Perimplantite

La Perimplantite è l’infiammazione dei tessuti di sostegno (gengiva ed osso) che circondano l’impianto ed è legata all’accumulo di placca sull’impianto stesso.
Gli impianti, come i denti naturali, sono soggetti alla malattia parodontale (altrimenti detta Piorrea) e possiamo affermare che questa malattia sugli impianti è in grado di provocare maggiori danni ed in un tempo molto più breve. La ragione di questa rapida progressione della malattia parodontale è dovuta al fatto che gli impianti sono a diretto contatto con l’osso mascellare o mandibolare senza l’interposizione di quel tessuto connettivo, presente nei denti naturali, che costituisce una difesa efficace contro l’attacco dei batteri presenti nella placca dentale.
Questo significa che gli impianti durano nel tempo soltanto se vi è un buon mantenimento igienico da parte del paziente ed un controllo attento da parte del dentista.
Il paziente deve essere istruito sulle corrette tecniche di spazzolamento e l’igienista od il dentista devono controllare con cadenza regolare che le manovre di igiene siano efficaci.
Solitamente il primo anno il paziente viene controllato ogni 3 mesi, con anche relativa radiografia che attesti la buona integrazione ossea dell’impianto, e dopo il primo anno di carico masticatorio il controllo è sufficiente che sia ogni 6 mesi. Con questo protocollo di mantenimento assicuriamo ai nostri pazienti la durata nel tempo dei lavori eseguiti.
Da quanto detto si evince anche che le terapie eseguite in altri paesi, a costi magari più bassi, oltre al problema di capire se la qualità è effettivamente accettabile, presentano il grosso problema di un mancato controllo periodico che è l’unico strumento in grado di assicurare nel tempo la durata di quanto eseguito.